CORTE DI CASSAZIONE – ORDINANZA 26 LUGLIO 2012, N. 13343

2012 30 luglio 2012

Osserva

La CTR di …… ha accolto l’appello della “(…)-(…) spa” – appello proposto contro la sentenza n.89/08/2008 della CTP di …… che aveva respinto i ricorsi proposti avverso la medesima cartella non solo dalla predetta società contribuente ma anche dalla “( (…) spa” a cui l’Agenzia aveva pure notificato nella sua qualità di controllante della (…) – ed ha così annullato la cartella di pagamento per IVA relativa all’anno d’imposta 2004 per le somme iscritte a ruolo a seguito di controllo automatizzato della dichiarazione ex art.36-bis del DPR n.600del 1973.

La predetta CTR ha motivato la decisione ritenendo (per quanto qui ancora interessa) che la omessa previa comunicazione al contribuente del cosiddetto avviso bonario – come previsto dal comma 5 dell’art.6 della legge n.212 del 2000 – costituisce ragione di nullità della cartella esattoriale.

L’Agenzia ha interposto ricorso per cassazione affidato a due motivi.

La parte contribuente non ha svolto attività difensiva.

Il ricorso – ai sensi dell’art.380 bis cpc assegnato allo scrivente relatore – può essere definito ai sensi del l’art. 375 cpc.

Infatti, con il primo motivo di impugnazione (improntato alla violazione art. 6 comma 5 della legge 27.7.2000 n. 212, in relazione all’art. 360 n.3 cpc) la ricorrente si duole del fatto che il giudice di appello abbia condizionato l’esito del controllo automatizzato sulla dichiarazione ad una previa comunicazione al contribuente, attribuendo a tale comunicazione il carattere sostanziale di condizione di procedibilità, per quanto si fosse trattato di mera omissione o ritardo di versamento di quanto autoliquidato in dichiarazione (di che la parte ricorrente ha dato conto con modalità idoneamente autosufficienti).

La doglianza appare manifestamente fondata, alla luce della pregressa giurisprudenza di questa Corte (Sez. 5, Sentenza n. 17396 del 23/07/2010) secondo la quale:”L’emissione della cartella di pagamento con le modalità previste dagli artt.36-bis, comma 3, del d.P.R. n. 600 del 1973 (in materia di tributi diretti) e 54-bis, comma 3, del d.P.R. n. 633 del 1972 (in materia di IVA) non è condizionata dalla preventiva comunicazione dell’esito del controllo al contribuente, salvo che il controllo medesimo non riveli l’esistenza di errori essendovi, solo in tale ipotesi di irregolarità riscontrata nella dichiarazione, l’obbligo di comunicazione per la liquidazione d’imposta, contributi, premi e rimborsi. (In applicazione del principio, la S.C. ha confermato la sentenza della Commissione tributaria regionale che aveva considerato legittimamente emessa la cartella di pagamento, in assenza di comunicazione al contribuente, per l’importo riferito ad un’istanza di condono ex art. 9 bis legge n. 289 del 2002, non seguita dal versamento di quanto dovuto)”. Pertanto, si ritiene che il ricorso possa essere deciso in camera di consiglio per manifesta fondatezza, sicché poi la Corte potrà anche risolvere la controversia nel merito (respingendo l’impugnazione della società contribuente) non ravvisandosi necessità di ulteriori accertamenti di fatto.

– che la relazione è stata comunicata al pubblico ministero e notificata agli avvocati delle parti;

– che non sono state depositate conclusioni scritte, né memorie;

– che il Collegio, a seguito della discussione in camera di consiglio, condivide i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione e, pertanto, il ricorso va accolto;

che le spese di lite possono essere regolate secondo il criterio della soccombenza.

PQM

Accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso del contribuente avverso il provvedimento impositivo. Condanna la parte contribuente a rifondere le spese di lite di questo grado, liquidate in € 15.000,00 oltre spese prenotate a debito e compensa tra le parti le spese dei gradi di merito.

Si legga anche il post dell’ordinanza: clicca

X

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.